[TOUR IVAO IT Y/Z 2020]Tappa 13: LIMG - LIMW Z

Argomenti su aviazione civile e procedure aeronautiche.

Moderatori: High Staff, School Staff

Rispondi
Avatar utente
Adler58 (Aurelio)
Associate
Associate
Messaggi: 672
Iscritto il: 13/01/2017, 18:04
Callsign: SCI016

[TOUR IVAO IT Y/Z 2020]Tappa 13: LIMG - LIMW Z

Messaggio da Adler58 (Aurelio) » 05/05/2020, 11:26

Da Albenga ad Aosta in modalità Z (partenza VFR, arrivo IFR)

Procedura di arrivo ad Aosta LIMW

Guardiamo la carta AD 4-1 di Aosta, molto semplice trattandosi di un piccolo aeroporto, che comunque consente l'accesso a traffici IFR:
Immagine

Ci sono due STAR, una dal VOR di Saronno (SRN1Y) e una dal VOR di Torino (TOP1Y). Noi veniamo da sud, quindi direi di andare su TOP.
Entrambe le STAR hanno un MEL (livello di volo minimo) 150 e portano dritte al VOR di Biella (BLA)
Vediamo se troviamo una rotta (aerovie) per arrivare su TOP provenendo da Albenga (da dove partiremo in VFR essendo il volo Z)

Crociera - carta ENR 6-1-1
Immagine

Vediamo che l'aerovia L50, che già avevamo utilizzato dall'Elba ad Albenga, fa ancora al caso nostro nel suo tratto settentrionale, e ci porta dalla riviera ligure a Torino senza salire eccessivamente (ha una minima di FL90, che verso nord diventa FL100 dovendo stare su livelli pari).
Ho evidenziato in giallo il tracciato che penso di seguire, e che nel piano di volo sarà:
LAGEN L50 TOP

Provenendo da una partenza VFR, su LAGEN passeremo in IFR, per cui nel piano di volo dopo LAGEN dobbiamo scrivere la velocità e il livello di volo a cui saremo su tale punto. Aggiungiamo anche il VRP standard di uscita in VFR da Albenga in direzione di LAGEN, che è CERIALE (MGNE1).
Dobbiamo tener conto che a TOP dovremo essere ad almeno FL150 (MEL richiesto dalla STAR); quindi saliremo a FL160 (verso nord dobbiamo essere su un FL pari) dopo LAGEN, che manterrei a FL100 per non "strozzarci" in salita (da Ceriale a LAGEN abbiamo solo 21 nm; 21 x 300 ft/nm fa 6300, quindi su LAGEN è già dura arrivarci a FL100 e dovremmo allargarci un poco a sud per farcela senza forzare troppo il rateo di salita).

Tenendo conto di tutto quanto sopra, la rotta completa da scrivere nel campo cruise sarà quindi:
MGNE1 LAGEN/N0220F100 IFR L50 TOP/N0220F160
oppure
CERIALE LAGEN/N220F100 IFR L50 TOP/N0220F160 se preferiamo usare il nome per esteso del VRP

Sottoponiamola a validazione su Eurocontrol NOP:
Immagine

No Errors, quindi ci siamo. Se non avessimo messo la salita a FL160 ci avrebbe dato errore, dicendoci che non esisteva una STAR da TOP per Aosta (in effetti a FL100 non esiste).

Ci resta da vedere la parte finale del volo, la procedura di avvicinamento (carta AD 5-1 di Aosta):
Immagine

E' un avvicinamento molto particolare, perché Aosta è in mezzo alle montagne!
Cito da "Desk Aeronautico": L’unica procedura strumentale di avvicinamento per l’aeroporto di Aosta è attestata sull’ILS: la IGS (NPA) pista 27. Sebbene sia attestata su un ILS, è una procedura di avvicinamento di non precisione (IGS = Instrument Guidance System, NPA = Non Precision Approach) per via della posizione non standard ICAO del localizzatore, dell’offset di più di 4° e dell’intersezione tra il LOC e la center line a meno di 1400 metri dalla testata 27. È riservata ad aeromobili di categoria A/B e può essere effettuata solo dagli operatori specificatamente autorizzati da ENAC.

Guardiamo bene sia la carta sia il profilo verticale in basso:
Nella prima parte siamo guidati dall'NDB di Comagne (SVC) davanti a noi, e dal VOR di Biella (BLA) alle nostre spalle; il rateo di discesa è abbastanza basso ma va mantenuto "a mano" (non siamo ancora sul GP dell'ILS).
Raggiunto il FAF (D18.5 da BLA sul DME) si inizia a scendere più ripidi: la pendenza del sentiero di discesa è di 5°, pari all' 8.75%; ricordiamo che il rateo normale di discesa è di 3° ovvero circa 5%, qui scenderemo molto più ripidi, e nel primo tratto dopo il FAF non siamo ancora assistiti dal GP dell'ILS (ILS di Aosta IAOS), che si aggancia solo dopo aver virato a sinistra di circa 45° - assumendo una prua est - sul NDB di Comagne (SVC).
L'ILS va agganciato scendendo già ripidi, cosa ben più difficile del classico aggancio da volo livellato.
E' una procedura complessa e difficile, e in effetti i piloti che la eseguono devono aver superato uno specifico training certificato da ENAC (prescrizione scritta in rosso ben evidente in alto sulla carta).

Insomma questa tappa nasconde una bella sfida nel finale, che richiederà tutto il nostro impegno!
E studiamoci bene la procedura di mancato avvicinamento che ha una buona probabilitá di servire :)
ImmagineImmagineImmagine

Rispondi